Accesso Utente

Commenti recenti

Uptime del sito

Home | Argomenti | C.S.M. e D.S.M. italiani

C.S.M. Sulmona

Sulmona - Il Comune rivuole i locali ma la ASL glissa

SULMONA. Alle intimazioni di sfratto del Comune che rivuole i locali sede del Centro di salute mentale, l’Azienda sanitaria risponde prendendo tempo. «È in corso la procedura ad evidenza privata per...

Leggi articolo su "Il Centro"

Recapiti dei centri di Salute Mentale Abruzzo

                     Centri di Salute Mentale (CSM)

I Centri di Salute Mentale effettuano attività di accoglienza, valutazione e trattamenti programmati,svolgono inoltrre interventi urgenti ambulatoriali e domiciliari.

I CSM operano presso sedi ambulatoriali e garantiscono,in casi di necessità, interventi domiciliari o in altri luoghi di vita.

Sulmona - Disabili messi sotto sfratto La Asl non paga l’affitto

SULMONA. Non comincia bene il 2016 per i malati del Centro di salute mentale di Sulmona. Con una lettera fatta recapitare ai dirigenti dell’Asl a firma del sindaco Peppino Ranalli, proprio alla...

Laggi articolo su "il Centro"

Percorsi Sulmona è su Facebook

E' stato creato un gruppo Facebook di"Percorsi" destinato alle persone domiciliate nella zona di Sulmona.

Seguilo e iscriviti

Puoi trovarlo all'indirizo che segue:

Facebook

Trattamenti sanitari obbligatori numero raddoppiato

SULMONA. Raddoppiati in un anno i Trattamenti sanitari obbligatori che a più di due mesi dalla fine del 2014 hanno già raggiunto quota 25, rispetto ai 13 registrati nel 2013.

È emergenza psichiatrica in città con il Centro di salute mentale che da ieri è stato trasferito nella sede della ex Croce rossa, alla zona artigianale, già giudicata inadeguata dal personale medico in stato di agitazione dal mese scorso. Sono 1200 i pazienti in cura al Centro, 800 solo di Sulmona, per 13mila prestazioni annue (spalmate in 50 ogni giorno), gestite dai 17 operatori.

Malattie mentali, più assistenza

L’AQUILA. Il malato mentale non più affidato esclusivamente allo psichiatra ma seguito, dall’inizio alla fine del percorso di assistenza, da una nuova figura di infermiere capace di entrare nel «mondo» del paziente e di conquistarne la fiducia.

L’Asl lancia un nuovo modello nella gestione del malato mentale, in un mix che rende più incisiva la funzione dello psichiatra e dall’altra – novità assoluta – ridisegna il ruolo dell’operatore non medico, valorizzandone le capacità con compiti di referente e garante dell’assistenza.

Il Dipartimento di salute mentale dell’Asl, diretto dal dottor Vittorio Sconci, apre la strada a un’impostazione che rompe gli schemi tradizionali (in Italia, al momento, vi sono rarissime e del tutto sporadiche esperienze di questo tipo al Nord).

Un approccio rivoluzionario, fondato sul modello che gli addetti ai lavori definiscono il case manager, che l’azienda sanitaria sta per avviare, nella prima fase del progetto, con lo svolgimento di corsi ad hoc per formare il personale delle professioni sanitarie non mediche del Dipartimento.

Sulmona, lavoratori in stato di agitazione al Centro di salute mentale

I sindacati Nursind e Cisal annunciano l’avvio della protesta: la Asl non risponde alle richieste di tutela da parte dei dipendenti

Visualizza articolo su "Il Centro"

Centro salute mentale Sulmona - Protestano i familiari per la chiusura estiva

14/07/2014 09:18

SULMONA. La chiusura anticipata estiva del Csm (Centro di salute mentale) e la mancanza di una sede idonea anche dopo il sopralluogo dei Nas scatena la reazione dei familiari dei 1.200 pazienti in cura nella struttura di viale Mazzini.

Sulmona - Pazienti-orafi al centro diurno donano gioielli alla Giostra

SULMONA. Creatività e autostima per rendere autonome le persone con problemi psichici. È nato così il progetto “Elastica-mente”, ideato e condotto dalla psicologa Mariachiara Pagone, che ha...

Continua a leggere su "Il Centro"

Guarda le foto dell'evento su reteabruzzo.com

Altri contenuti su "Centroabruzzonews"

“Questi ragazzi hanno ritrovato la propria identità che si inserisce in un contesto cittadino” ha affermato Sconci, sottolineando che attraverso il lavoro e la fantasia “abbiamo fatto bingo se pensiamo che persone  che in altri tempi sarebbero state definite attraverso la loro malattia, perdendo la propria identità. Al posto di entrare in un reparto di psichiatria entrano in un laboratorio lavorando, imparando la storia e inserendosi nella manifestazione più bella della città che è la Giostra.

Le finalità del progetto sono state quelle di rendere gli utenti autonomi nella realizzazione di un prodotto artigianale, affinando la loro manualità fine. Il lavoro di oreficeria richiede, infatti, attenzione e precisione. Le attività teoriche e laboratoriali sono state centrate sull’apprendimento, sulla discussione, sull’ideazione ed infine sulla realizzazione del prodotto.