Accesso Utente

Commenti recenti

Uptime del sito

Home | Multimedia

Documenti

"Percorsi" al XII Congresso Nazionale della Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale

banner sirpI recenti studi sull’epidemiologia della mortalità nei pazienti psichiatrici evidenziano un aumento nella percentuale di decessi. Tra le cause vi sono le patologie cardiovascolari, a causa del sovrappeso e/o dei fattori genetici, che incrementano i livelli di diabete. Tenendo conto di questa emergenza, recenti studi scientifici, suggeriscono di sviluppare progetti psico-sociali, al fine di ridurre l’incidenza dei fattori di rischio. Lo sport rappresenta un fattore di prevenzione degli effetti delle patologie psichiatriche, perché aumenta il livello di benessere psico-fisico.

La Calcioterapia è una tipologia di sport fino ad oggi poco esplorata, all’interno del ventaglio di attività sportive che producono benefici psico-fisiologici nei pazienti psichiatrici.

10 ottobre: Giornata Mondiale della Salute Mentale

L’impatto della salute mentale in Italia

Pur essendo un tema di grande rilevanza in Italia, la salute mentale non gode della giusta considerazione. Nel corso del solo anno 2016, quasi un milione di italiani ha ricevuto assistenza medica per disturbi mentali. A questo dato vanno aggiunte le persone affette da malattie mentali, che non si curano. Si stima che siano 2 su 3 le persone che decidono di non ricevere alcuna assistenza. La salute mentale è un argomento di grande importanza, in quanto influisce sul comportamento, le relazioni, le capacità cognitive oltre che alla sfera affettiva di chi ne è coinvolto e delle proprie famiglie.

Progetto ARTIS: nuovo documento ufficiale

Di seguito  riportiamo il documento ufficiale sul Progetto ARTIS elaborato da Clara Evangelista, attuato dalla ASL e dal Comune di Pescara e gestito dall'Associazione "PERCORSI" dal 2005. Tale Progetto è stato presentato alla Dott.ssa Alessia Parlatore (Responsabile presso l'Assessorato alla Sanità, Regione Abruzzo) che ne ha fatto richiesta per conoscerne i contenuti. Il 29/09/2017 il documento è stato consegnato anche all'Assessore Paolucci della Regione Abruzzo. Visti i risultati ottenuti a livello di validità terapeutica, riabilitativa e di inclusione sociale, chiediamo che venga esteso su tutto il territorio regionale. Buona lettura.

A R T I S

Assistenza Riabilitativa Territoriale Integrata Socio-sanitaria

“Mai Più Solo”

Con il Piano Sanitario Regionale 2008-2010, che ha recepito il Progetto ARTIS promosso dall'Associazione Regionale dei Familiari per la Tutela della Salute Mentale “PERCORSI”, per la prima volta è stata messa in discussione l'impostazione di cura ospedalocentrica e custodialistica.

In esso, nella sezione dedicata alla Salute Mentale, si afferma: “...... le ospedalizzazioni potrebbero essere facilmente ridotte nel breve termine, trasferendo le prestazioni verso percorsi di assistenza territoriale, diurna e domiciliare”.

Tale dichiarazione lasciava auspicare l'attuazione del Progetto ARTIS su tutto il territorio regionale, ma finora non è stato finanziato e quindi mai realizzato.

Dal 1° gennaio 2017 modifica all'assunzione dei disabili

Si segnala che dal 1° gennaio 2017 è entrata in vigore la soppressione dell’art. 3, comma 2, della Legge n. 68/1999, che prevedeva, nelle aziende da 15 a 35 dipendenti, un anno di tempo per assumere un lavoratore disabile dal momento in cui veniva effettuata una nuova assunzione (la sedicesima).

Con la modifica introdotta dal Jobs Act (Decreto Legislativo n. 151/2015), l’obbligo di assunzione del soggetto disabile avviene già con la 15° unità.

"E ora non mi rinchiudere. Manifesto per la vita libera delle persone con disturbi mentali e disabilità intellettiva, contro il rischio di una nuova istituzionalizzazione"

autismo-8“E ora non mi rinchiudere. Manifesto per la vita libera delle persone con disturbi mentali e disabilità intellettiva, contro il rischio di una nuova istituzionalizzazione” è il documento che verrà pubblicamente presentato e discusso nel corso di una conferenza organizzata dal comitato “E ora non mi rinchiudere,” che è sostenuto dai primi firmatari scritti in calce, il 27 febbraio prossimo a Empoli (Firenze), presso la Sala Conferenze dell’Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa (ASEV).

 

Scarica il manifesto ufficiale in formato in PDF

L’infermiere case manager in psichiatria

case manaementScarica documento da sito esterno

L’introduzione di nuovi modelli organizzativi all’interno dei servizi psichiatrici territoriali rappresenta un’importante sfida per fornire risposte efficaci ai mutevoli bisogni di questa complessa tipologia di pazienti. Fondamentale il ruolo dell’infermiere per fornire un’assistenza personalizzata e di alto livello qualitativo.

Particolarmente complessa risulta la presa in carico degli utenti complessi, che presentano bassa qualità di vita, scarsa compliance al trattamento terapeutico, grave sintomatologia e comportamenti biasimati o aggressivi. Il case management, sperimentato dagli anni ’60 nei Paesi anglosassoni, rappresenta una modalità di approccio a tali utenti, poiché attraverso l’assegnazione di un case manager o “referente del caso” viene facilitata la continuità delle cure ed il coordinamento degli interventi sanitari e sociali

Roma - Centro Salute Mentale D9 - Progetto di Centro di Promozione per l'Impresa Sociale - Corso di preformazione al lavoro di taglio e cucito

Risultati immagini per asl roma d

Scarica documento PDF da sito esterno

 

"Questo progetto ambisce anche a essere un contributo nella ricostruzione di un tessuto di scambio sociale, di moltiplicazione delle relazioni mediate da “un fare” e teso alla costituzione materiale dei diritti di cittadinanza dei soggetti esclusi, nella convinzione che il diritto di cittadinanza – se non conquistato materialmente e realizzato praticamente – può essere continuamente revocabile.

Stiamo cercando di creare un laboratorio di produzione di relazioni e rapporti, di ricomporre ambiti di norma separati (lavoro, formazione, ricerca ecc.) per tracciare la trama dell’interscambio. L’enfasi è stata posta sulla ricerca, l’attenzione, la messa in moto delle intelligenze e volontà delle persone, attraverso la differenziazione delle attività e la ricerca della qualità"