Accesso Utente

Commenti recenti

Uptime del sito

Home | Argomenti | Scienza Psiche e Società | Psichiatria (152)

Personale ed operatori

L’infermiere case manager in psichiatria

case manaementScarica documento da sito esterno

L’introduzione di nuovi modelli organizzativi all’interno dei servizi psichiatrici territoriali rappresenta un’importante sfida per fornire risposte efficaci ai mutevoli bisogni di questa complessa tipologia di pazienti. Fondamentale il ruolo dell’infermiere per fornire un’assistenza personalizzata e di alto livello qualitativo.

Particolarmente complessa risulta la presa in carico degli utenti complessi, che presentano bassa qualità di vita, scarsa compliance al trattamento terapeutico, grave sintomatologia e comportamenti biasimati o aggressivi. Il case management, sperimentato dagli anni ’60 nei Paesi anglosassoni, rappresenta una modalità di approccio a tali utenti, poiché attraverso l’assegnazione di un case manager o “referente del caso” viene facilitata la continuità delle cure ed il coordinamento degli interventi sanitari e sociali

Malattie mentali, più assistenza

L’AQUILA. Il malato mentale non più affidato esclusivamente allo psichiatra ma seguito, dall’inizio alla fine del percorso di assistenza, da una nuova figura di infermiere capace di entrare nel «mondo» del paziente e di conquistarne la fiducia.

L’Asl lancia un nuovo modello nella gestione del malato mentale, in un mix che rende più incisiva la funzione dello psichiatra e dall’altra – novità assoluta – ridisegna il ruolo dell’operatore non medico, valorizzandone le capacità con compiti di referente e garante dell’assistenza.

Il Dipartimento di salute mentale dell’Asl, diretto dal dottor Vittorio Sconci, apre la strada a un’impostazione che rompe gli schemi tradizionali (in Italia, al momento, vi sono rarissime e del tutto sporadiche esperienze di questo tipo al Nord).

Un approccio rivoluzionario, fondato sul modello che gli addetti ai lavori definiscono il case manager, che l’azienda sanitaria sta per avviare, nella prima fase del progetto, con lo svolgimento di corsi ad hoc per formare il personale delle professioni sanitarie non mediche del Dipartimento.