Mostra la lista degli articoli in questa sezione

La Asl rimette all’asta l’hotel mai usato in 9 anni

Print Friendly, PDF & Email
(Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2018)

MONTESILVANO. Va all’asta l’hotel Paradiso, l’albergo fronte mare, con piscina, pagato 1,2 milioni di euro dalla Asl di Pescara nel 2004 e da allora rimasto sempre chiuso. Per fare cassa, il direttore generale della Asl Claudio D’Amario ha deciso di vendere l’immobile che sarebbe dovuto diventare una casa per disabili mentali e, invece, è sprofondato nel degrado. Tanto che i residenti della zona di via Firenze e via Napoli hanno perso il conto delle segnalazioni al Comune per l’abbandono della struttura con la piscina invasa dall’acqua sporca.

Nell’era dell’ex direttore generale Angelo Cordone, la Asl comprò l’hotel – tre piani, 27 camere e 58 letti più giardino e piscina – per farne una casa per disabili mentali. Non fu possibile: un albergo costruito nel 1959 per dare spazio ai turisti del boom non può essere in regola con le normative antisismiche e con le leggi sulle barriere architettoniche. Secondo i successori di Cordone, quell’albergo sarebbe potuto diventare una struttura sanitaria soltanto con intervento da centinaia di migliaia di euro. Per questo, Antonio Balestrino, manager Asl subito dopo Cordone, provò subito a rivenderlo per fare cassa ma non ci riuscì. Ora, D’Amario ha ottenuto il via libera del presidente della Regione e commissario alla Sanità Gianni Chiodi per mettere all’asta l’hotel dalla facciata rosa. «Il ricavato della vendita», dice la delibera 1.080, «sarà impiegato al fine di realizzare strutture residenziali per il Dipartimento di salute mentale». Per velocizzare la pratica, D’Amario ha nominato anche un responsabile del procedimento: si tratta di Vincenzo Lo Mele, dirigente tecnico dell’ufficio Gestione del patrimonio della Asl. Ma per la Asl vendere l’hotel Paradiso sarà quasi sicuramente un’operazione a perdere: nel 2004, la Asl pagò 1.187.850 euro al vecchio proprietario, Karl Heinz Fioriti, più l’Iva ma, con la crisi del mercato, vendere l’albergo che cade a pezzi a quel prezzo sarà difficile.

Condividi...